Mutilazioni genitali, Cgil-cisl-uil Campania: La Regione istituisca una legge ad hoc

22

“La Campania non ha ancora una legge che tuteli le donne e le bambine, in particolare le comunità di migranti residenti nella nostra regione, dal fenomeno delle Mutilazioni Genitali Femminili (MGF), pratica che mette a rischio la salute psicofisica di migliaia e migliaia di bambine e ragazze”. E’ quanto si legge in una nota congiunta della Cgil, Cisl, Uil Campania. “L’ultimo tentativo di introdurre una legge regionale ad hoc risale a 7 anni, purtroppo mai più rimesso in agenda – prosegue – . I dati diffusi in questi giorni registrano che tra le 61 mila e 80 mila donne sul territorio nazionale hanno subito in una qualche forma di mutilazione in tenera età. Solo recentemente il nostro Paese, si è dotato di apposite linee guida per far fronte a questo fenomeno in maniera più adeguata e capillare sia in termini di prevenzione che di assistenza delle vittime presso i presidi sanitari. Il Coordinamento donne di CGIL CISL UIL della Campania, in occasione della Giornata Internazionale della tolleranza zero per le mutilazioni genitali femminili, chiedono alla politica e alle istituzioni a tutti i livelli di farsi promotori di una legge ad hoc e di istituire un presidio sanitario in Campania”, conclude la nota.