Mutui, riparte la domanda in regione
Importo medio sopra i 100mila euro

22

Le famiglie campane ritrovano un po’ di fiducia nel futuro e fanno registrare un’impennata delle domande di mutui nei primi tre mesi del 2015. È quanto emerge dal Barometro sul credito Le famiglie campane ritrovano un po’ di fiducia nel futuro e fanno registrare un’impennata delle domande di mutui nei primi tre mesi del 2015. È quanto emerge dal Barometro sul credito realizzato dalla società specializzata Crif. Tra gennaio e marzo di quest’anno il numero di richieste cresce del 34,8 per cento rispetto al pari periodo del 2014, attestandosi lievemente al di sotto del dato nazionale (37,5 per cento). L’approfondimento territoriale mostra come tutte le province campane abbiano fatto registrare un incremento nel numero delle richieste, con punte del 47,5 per cento ad Avellino e nel resto dell’Irpinia. Seguono a breve distanza Napoli (più 34,6 per cento) e Salerno (più 34 per cento). In termini di importo medio richiesto la Campania fa segnare un’inversione di tendenza rispetto alla media nazionale con una crescita del 34,4 per cento, sempre nel primo trimestre del 2015. In particolare, la provincia che fa rilevare l’incremento più sostenuto è ancora una volta Avellino, con il 42,1 per cento rispetto ai primi 3 mesi dello scorso anno, seguita da Caserta (35,7 per cento) e Napoli (34,1 per cento). Il territorio partenopeo si caratterizza per l’importo medio richiesto più elevato, con 131.433 euro, seguito da Salerno con 118.574 euro (più 32,8 per cento). Scommessa sui consumi Crescono i prestiti finalizzati, vale a dire i contratti di finanziamento per acquisto di auto o moto, spese mediche, iscrizioni presso palestre e centri sportivi, acquisto di elettrodomestici. In Campania, nel primo trimestre del 2015, l’incremento è parti al 12,5 per cento e supera di molto il dato nazionale che fa registrare un più 8,9 per cento. L’importo medio richiesto supera di poco i 4mila euro ed è superiore del 9 per cento rispetto allo stesso periodo del 2014. Leggermente al di sotto della media nazionale, invece, i prestiti personali (più 6,3 per cento in Campania, più 6,6 per cento in Italia). In questo caso l’importo medio richiesto si aggira sui 10mila e 500 euro per pratica. I soldi, in molti casi, vengono chiesti per fronteggiare spese impreviste o per pagare le tasse. Una pratica molto diffusa negli ultimi anni.