“My fair city”, Napoli a misura di bambino

51

Rendere giocosa e divertente ai bambini la visita di alcuni dei più bei luoghi del centro antico di Napoli: è l’obiettivo di “My Fair City“, innovativo progetto di fruizione dei beni culturali e di servizi al turismo per l’infanzia presentato oggi a Napoli nella Sala del Capitolo Complesso di San Domenico Maggiore. “Questo tipo di progetti – commenta Valeria Fascione, assessore alle Start-up e Innovazione della Regione Campania, presente all’incontro – ci rappresentano meglio di altri: interventi mirati sul territorio con soluzioni per i beni culturali in grado di coinvolgere concretamente famiglie, scolaresche e turisti“. “Se vogliamo continuare a competere sull’offerta turistica con le altre città d’Italia – ha detto Gaetano Daniele, assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli – dobbiamo innescare meccanismi di questo tipo. Un modello puntato sui bambini come destinatario turistico è fondamentale per il nostro sistema e My Fair City va esattamente in questa direzione“. Il progetto pilota per rendere Napoli a misura di bambino riguarda il centro antico della città, dalla Guglia di San Domenico a Palazzo Petrucci, da Palazzo di Sangro a Palazzo Venezia. In sostanza, storia, architettura e bellezza del cuore della città partenopea diventano finalmente anche a portata di bambino e famiglie grazie alla realtà aumentata e l’animazione. Alla conferenza di presentazione hanno partecipato anche Salvatore Esposito De Falco (CUEIM – Project Manager My Fair City), Giancarlo Carriero, Presidente Sezione Turismo dell’Unione Industriali di Napoli, Flavio Tariffi (Space S.p.A.), Barbara Balbi(Università Suor Orsola Benincasa di Napoli), Giovanni Petrone (Le Nuvole).