Naja e crediti universitari, la proposta di Forza Italia

5

(AdnKronos) – Una ‘mini naja’ volontaria lunga almeno 6 mesi per accumulare crediti formativi universitari. Questa l’idea alla base della proposta di legge a prima firma del deputato di Forza Italia Matteo Perego, presentata alla Camera il 26 luglio 2018 scorso e oggetto di una conferenza stampa pochi giorni fa.

Dal titolo “Istituzione di percorsi formativi in ambito militare per i cittadini di età compresa tra diciotto e ventidue anni”, la proposta di legge in esame è – si legge nel testo () – “diretta a disciplinare una serie di percorsi formativi da svolgere in ambito militare su base volontaria e rivolti a giovani cittadini italiani di età compresa tra 18 e 22 anni che, indipendentemente dalle future scelte professionali, abbiano interesse a conoscere in maniera diretta il contributo delle Forze armate nella storia del nostro Paese e l’alto valore etico che contraddistingue i nostri militari nell’assolvimento dei propri compiti istituzionali in patria e all’estero”. I percorsi formativi in ambito militare, spiegano ancora i deputati di Forza Italia, dovranno essere svolti “presso i reparti e i comandi delle Forze armate e dell’Arma dei carabinieri per un periodo di tempo non inferiore a sei mesi”.

Al termine del percorso, la proposta di legge prevede inoltre il rilascio, da parte dell’amministrazione della difesa, di “un attestato volto a certificare l’esito positivo del percorso formativo svolto”. Nelle intenzioni dei firmatari, questo attestato potrà essere utilizzato all’atto della collocazione sul mercato del lavoro e consentirà, inoltre, “l’acquisizione di crediti formativi universitari ai sensi dell’articolo 5 del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca n. 270 del 2004, nei termini stabiliti con apposita circolare del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca”.