Napoli, agente ucciso: presi due dei tre banditi, rom provenienti dal campo nomadi di Giugliano

2325

Due degli autori del tentato furto in banca a Napoli sono stati catturati sul luogo dello scontro frontale nel quale è morto l’agente di polizia Pasquale Apicella, di 37 anni, in servizio al commissariato di Secondigliano. Sono rom, residenti nel campo nomadi di Giugliano. Il terzo componente della banda è ora ricercato dalla polizia. L’auto utilizzata dai banditi bloccati questa notte a Napoli aveva una targa sovrapposta ed il telaio punzonato. Si trattava evidentemente di una vettura rubata. Nel violento impatto con la volante della Polizia il motore della vettura è stato sbalzato fuori.

Il capo della Polizia: Pagato un prezzo altissimo

Il Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Prefetto Franco Gabrielli, ha espresso “profondo cordoglio e sentimenti di commossa vicinanza ai familiari”.. “In giornate che vedono impegnate le Forze dell’ordine nei controlli per il contenimento del coronavirus, si legge in una nota, la Polizia di Stato continua l’attività di controllo a presidio di legalità contro la criminalità, pagando un prezzo altissimo con la perdita di un suo uomo”. Il Capo della Polizia ha augurato una pronta guarigione all’altro componente della volante l’Assistente Capo della Polizia di Stato Salvatore Colucci, rimasto ferito.

Il sindaco de Magistris: Profondo cordoglio

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris esprime “il più profondo cordoglio, a nome della Città, alla famiglia dell’agente scelto ucciso ed a tutti gli uomini e le donne della Polizia di Stato che ogni giorno sono impegnati con professionalità e sacrificio nella prevenzione e repressione del crimine. Al poliziotto ferito vanno gli auguri di una pronta guarigione”.

Il questore di Napoli: Dolore immenso per noi

“Un dolore immenso per tutti noi. La Polizia di Napoli è accanto alla famiglia del collega”. Così il questore di Napoli, Alessandro Giuliano.