Napoli, Airbnb e TripAdvisor lanciano i Mafiatour. Il sindaco su Twitter: I clan non sono attrazoni turistiche

98
In foto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli

“Le organizzazioni criminali non possono trasformarsi in attrazioni turistiche. Auspico che Airbnb prenda immediatamente provvedimenti in merito. Dal letame nascono i fiori, dalla mafia nasce solo morte. #difendilacittà”. Così via Twitter il sindaco di Napoli commenta il Mafia tour a Napoli da 25 euro a persona proposto da Vittorio sulle piattaforme Airbnb e TripAdvisor. “La giornata inizierà dal centro storico dove verrà fatta un introduzione della storia di Napoli e come è nata la mafia(camorra). Andremo – si legge nella presentazione – in tutti i luoghi centrali della città dove si potrà capire con semplici spiegazioni come la mafia opera e quello che fanno. Cammineremo per i vichi (vicoli, ndr) del centro storico, Forcella e i quartieri spagnoli dove c’è ancora attività criminale anche se non si vede. Il tour verrà fatto solo nella zona centrale dove una volta era poco turistica e molto pericolosa ma adesso e diventata molto più sicura ed inoltre sarete guidate da me che sono una persona del posto”. “Come se non bastassero i pregiudizi, le superficialità, le banalizzazioni su Napoli e i napoletani, ora arriva anche lo sfruttamento a fini turistici di una piaga che fiacca lo sviluppo sano della città e che va combattuta con tutte le forze, ogni minuto. Da tutti. Banalizzare e sfruttare un dramma è operazione triste, dannosa e penosa”. Così il deputato Alessandro Amitrano (M5s) che aggiunge: “La nostra città è una capitale millenaria della cultura, con centinaia di luoghi da scoprire, ad ogni angolo – ha osservato il parlamentare -. Di un tour del genere, offerto persino in inglese, non si sentiva alcun bisogno”.