Napoli, al via la certificazione anagrafica on line

31

L’Amministrazione comunale con una deliberazione di Giunta, ha istituito il nuovo servizio di rilascio on line della certificazione anagrafica e di stato civile. L’Amministrazione, recependo le indicazioni dell’Agid (Agenzia per l’Italia Digitale), ha stabilito le modalità per l’accesso a tale servizio, peraltro già attivo dal 21/12/2017 per quanto concerne la certificazione di stato civile. Esso è rivolto ai cittadini e, previa apposita convenzione, ad altri soggetti privati, quali liberi professionisti, che, avvalendosi di diversi livelli di consultazione, potranno ottenere direttamente, da casa o dal proprio studio professionale, certificati anagrafici e di stato civile tramite richiesta, identificazione e autenticazione al portale del Comune di Napoli e mediante il sistema digitale della Pubblica Amministrazione (Spid), cui il Comune di Napoli ha aderito. I certificati, recanti la firma del Sindaco, potranno essere stampati e saranno validi a tutti gli effetti di legge. Il rilascio dei certificati on line sarà completamente gratuito, salvo il pagamento della marca da bollo in modalità virtuale, laddove previsto. Tale misura semplificherà la vita al cittadino, che non sarà più costretto a recarsi presso gli sportelli demografici delle Municipalità, risparmiando tempi e costi e favorirà la progressiva riduzione dell’affluenza degli utenti presso gli uffici comunali.
L’Assessore Sardu con delega all’anagrafe e all’informatizzazione dichiara: “L’istituzione del servizio di rilascio on line della certificazione anagrafica e di stato civile rappresenta un’innovazione molto importante. I cittadini non dovranno più recarsi presso gli sportelli demografici delle municipalità, ma potranno collegarsi da casa o dal proprio studio professionale per scaricare i certificati direttamente on-line. Esprimo i miei sinceri ringraziamenti ai dirigenti Loffredo e Volpe, che hanno lavorato intensamente con l’Assessorato. Attraverso questo sistema, potremo anche riprogrammare e razionalizzare le attività degli sportelli presso le municipalità, in modo da offrire ai cittadini un servizio sempre più efficiente”.