Napoli, al via oggi il 25° vertice Italia-Francia: focus su cooperazione e agenda Ue

98
In foto Emmanuel Macron e Giuseppe Conte

Si tiene oggi a Napoli il 25mo vertice intergovernativo italo-francese, alla presenza del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del capo di Stato francese, Emmanuel Macron. Secondo quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi, la riunione odierna sarà un’occasione “per confermare la collaborazione di ampio respiro tra Italia e Francia e il rilancio della partnership” tra i due paesi. Al centro dell’incontro, oltre a temi di ovvia importanza sul piano internazionale come la situazione attuale in Libia e l’attuazione delle conclusioni della conferenza di Berlino, ci sarà anche il rafforzamento delle “sinergie sull’agenda europea, per fornire un nuovo e rinnovato impulso al processo di integrazione” comunitaria a seguito della Brexit e avviare un “nuovo ciclo istituzionale” all’interno dell’Unione europea, contribuendo nel contempo a “rafforzare la dimensione mediterranea dell’Ue”. All’ordine del giorno anche i rapporti bilaterali, il lancio di nuove iniziative e progetti congiunti e il futuro della cooperazione in settori strategici come i trasporti, l’energia, la cultura, la formazione, la ricerca e la collaborazione tra le rispettive forze di polizia.
Il colloquio del presidente Conte con Macron verterà su importanti temi dell’agenda europea, internazionale e bilaterale tra cui anche la migrazione. Tra i temi in discussione anche “l’approfondimento della riforma dell’Unione economica e monetaria, su cui l’Italia e la Francia hanno in comune l’esigenza di introdurre strumenti di stabilizzazione macroeconomica, nonché per la mutualizzazione dei rischi finanziari”. Nello specifico, entrambi i paesi auspicano una “governance economica più flessibile e orientata alla crescita, soprattutto per agevolare la lotta al cambiamento climatico”. Sul tavolo anche il tema della tassazione e l’auspicio di maggiore uniformità, per contrastare il dumping fiscale all’interno dell’Unione e l’elusione da parte delle grandi imprese, anche digitali. Durante l’incontro, al termine del quale sarà firmata una dichiarazione finale, è previsto anche un confronto sul tema del miglioramento della metodologia relativa al processo di allargamento dell’Ue nei confronti di Albania e Macedonia del Nord.