Napoli, ampliamento cimitero di Pianura: domani taglio del nastro per il primo stralcio

99

Sarà inaugurato domani, domenica 28 ottobre, alle ore 10, il primo stralcio dell’ampliamento del cimitero di Pianura (strada comunale cimitero / via Pallucci – Napoli). Interverranno il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e i responsabili delle imprese napoletane che costituiscono la società di progetto Nea’Cropolis Spa, che ha realizzato l’opera. Si tratta di lavori realizzati in project financing, con guida pubblica ed investimenti a totale carico dei privati.
La progettazione architettonica è stata curata da Tstudio – Arch. Guendalina Salimei, il progetto strutturale e la direzione Lavori sono di Interprogetti srl, mentre CDS Ingegneria snc ha curato il progetto degli impianti.

L’ampliamento del cimitero circoscrizionale di Pianura si inserisce nel più ampio intervento in corso di attuazione da parte della società di progetto Nea’Cropolis Spa, costituita da imprese napoletane, che riguarda anche l’ampliamento dei cimiteri di Soccavo e Barra da realizzare in project financing con investimenti a totale carico dei privati.

Il progetto, organizzato come ideale prosecuzione dell’impianto ottocentesco del cimitero esistente, prevede: campi di inumazione, manufatti gentilizi, un piccolo giardino, due edifici di servizio, loculi per feretri all’aperto, un edificio per tumulazioni con un’ampia corte interna con campi di inumazione ed una corte aperta verso il cimitero esistente definita da due edifici per tumulazioni, uno dei quali già realizzato negli anni ’90 dall’Amministrazione comunale di Napoli.

Il primo stralcio realizzato riguarda: un campo con fosse di inumazione, una batteria di loculi all’aperto per feretri, locali con uffici, spazi dedicati alle funzioni cimiteriali e servizi per il pubblico, il nuovo edificio con loculi per resti mortali e nicchie per urne cinerarie che si sviluppa con una sagoma simile a quello esistente, con pianta ad L su quattro livelli oltre un livello ipogeo.

L’edificio, caratterizzato da fronti leggeri e trasparenti, sfrutta il doppio orientamento per il trattamento interno della luce: le facciate sono infatti definite da un’alternanza di pieni e vuoti che divengono veri e propri elementi filtro fra interno ed esterno. Tale effetto è ottenuto con un pattern di grigliati metallici stirati a maglia romboidale di differenti dimensioni e colorazioni, utili anche a favorire soprattutto un’adeguata ventilazione degli ambienti interni e un intenso gioco di luci.