Napoli, Arbore si commuove nella sede della Lega del Filo d’oro

472
In foto Renzo Arbore

Venerdì scorso, cogliendo l’occasione di un suo concerto la sera prima all’Arena Flegrea di Napoli, Renzo Arbore ha fatto visita alla sede territoriale della Lega del Filo d’oro, associazione di cui è lo storico testimonial. Accolto dal personale, dagli utenti con i loro familiari, dai volontari e dal presidente dell’associazione Rossano Bartoli, Arbore ha salutato con affetto tutti i presenti. Lo rende noto la stessa associazione in una comunicato, sottolineando che durante la visita, che è stata breve ma molto partecipata, si sono alternati momenti di allegria, come quando il maestro ha intonato le note della canzone ‘Ma la notte no’ accompagnato dai presenti, a momenti di vera commozione.
Arbore ha ringraziato il personale e i volontari della Lega del Filo d’oro per il loro impegno al fianco delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e ha espresso un sincero incoraggiamento a tutte le famiglie. Per l’occasione Matilde, persona sordocieca seguita dall’associazione, ha donato al’artista un gilet realizzato con le sue mani intrecciando fili di plastica, mentre un familiare uno scritto da lui composto, dal titolo ‘Io sono napoletano’. Nata nel 1996, la sede di Napoli è stata il primo punto di riferimento territoriale della Lega del Filo d’oro nel Sud Italia. Essa offre un valido supporto socioeducativo alle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali e alle loro famiglie, lavorando in stretto rapporto con la rete dei servizi locali. Nel 2018 è stata di riferimento per 162 utenti.