Napoli, arrestato ex dipendente della Federico II: prometteva esami facili e posti di lavoro

289
In foto l'Università Federico II di Napoli

Un ex dipendente della Università di Napoli Federico II offriva posti di lavoro o il superamento di esami universitari e test di ingresso alla facoltà di Medicina e chirurgia in cambio di denaro. L’uomo è destinatario, dopo un’indagine del Nas dei carabinieri, di una misura cautelare in carcere con il beneficio dei domiciliari emessa dal gip di Napoli. Ai domiciliari anche un ex poliziotto per accessi abusivi a banche dati in uso alle forze di polizia, in concorso con un’altra persona indagata, all’epoca in servizio anche questa in polizia è attualmente in pensione. L’indagine è partita dalle intercettazioni telefoniche a carico di un sedicente avvocato al centro di questo circuito di promesse e millanterie dell’arrestato.
Il dipendente universitario avrebbe offerto la sua intermediazione per superare concorsi e per ottenere assunzioni nell’ateneo e nelle Asl di Napoli e Caserta. Anche alcuni suoi ‘clienti’, ascoltati dagli inquirenti, hanno confermato questa compravendita di esami titoli di studio e posti di lavoro nelle pubbliche amministrazioni. Durante le indagini eseguite anche perquisizioni e sequestrati documenti. L’uomo, millantando un credito presso pubblici ufficiali, cercava anche di dimostrare i suoi ‘clienti’ l’avanzamento positivo delle ‘pratiche’ in corso producendo documentazione falsificata, simulando appuntamenti per colloqui prelusivi alle assunzioni e anche fingendo di avere rapporti stretti con attraverso telefonate con i funzionari incaricati di esami o test. Soprattutto a luglio 2017, in vista dei test di ingresso per l’ammissione alla facoltà di Medicina, l’uomo ha intensificato la sua attività di ricerca ‘clienti’, promettendo anche posti di lavoro sia dentro l’università che nei presidi ospedalieri del territorio