Napoli, a Bruno Arpaia il premio “Quaderni Ibero Americani”

18
in foto Bruno Arpaia, scrittore

Bruno Arpaia è il vincitore della sesta edizione del Premio Letterario “Quaderni Ibero American”, che si svolgerà a Napoli domani 31 ottobre (ore 18), all’Hotel Excelsior. Napoletano di nascita ma milanese d’adozione, Arpaia è scrittore, giornalista, consulente editoriale, traduttore di letteratura ispanica e professore di Tecniche della Narrazione all’Università Bicocca di Milano. La rassegna, promossa dalla più antica e prestigiosa rivista italiana di ispanistica, “Quaderni Ibero Americani”, , è curata da Patricia Martelli, con il sostegno dell’Hotel Excelsior e Argenio Napoli – Fornitore Real Casa Borbonica e con il patrocinio del Comune di Napoli. Previsti anche premi speciali a Maurizio De Giovanni, autore di grandissimo successo in Italia e all’estero e sceneggiatore per la serie TV Rai tratta dal suo romanzo “I bastardi di Pizzofalcone”; allo scrittore uruguaiano Milton Fornaro; a Ughetta Parisio, artista polivalente nel campo della pittura, della ceramica e delle decorazioni; ad Amarilis Gutièrrez Graffe, Console del Venezuela e Decano del Corpo Consolare di Napoli; a Davide Carnevale, artista e promotore della rassegna Land Art. A conferire i riconoscimenti una giuria di altissimo profilo culturale che vanta tra i suoi membri personalità come Alfredo Conde, presidente, Giuseppe Tavani, Raffaele La Capria, Bernardo Atxaga, Ramon Pernas, Brad Epps, Juan Maria Alzina, Milagros Frias, Isabel Clara Lorda Vidal, Francisco de Almeida Dias, Rossana Balduzzi Gastini, Gèrard Roero, Angelo Curti, Angelo Cannavacciuolo. Nel corso della manifestazione, presentata da Filippo La Porta, saranno consegnati anche il Premio Jolanda Beccaris, destinato ad un’opera o ad un personaggio che abbia illustrato il sentimento della natura, dei luoghi e del paesaggio all’Hotel San Pietro di Positano nella persona di Virginia Attanasio Cinque, e il Premio Paolo Tomasi, scienza e politica, a Enrico Panini, neo vicesindaco e Assessore al Bilancio del Comune di Napoli. “E’ un grande onore ricevere questo premio e ancor di più nella mia terra d’origine. Mi pare di ricordare che il mio primo articolo per “l Mattino”, fu proprio un pezzo in cui mettevo in evidenza le somiglianze fra Napoli e l’America latina, la forte impronta spagnola, la capacità di meticciato culturale, il rapporto con la morte, un particolare tipo di socialità. I miei amici scrittori spagnoli e latinoamericani che hanno visitato Napoli, spesso con me, come Paco Ignacio Taibo II o Leonardo Padura, si sono sentiti a casa. Perciò sentendomi napoletano, mi sono sempre sentito anche profondamente latinoamericano e ispanico”, dice Arpaia.