Il Napoli cade a Torino ma la strada è lunga

14

di Diego Pantani

II Napoli esce sconfitto  dallo ‘Stadium” dopo esser rimasto in gara
fino al 3-1 di  Bonucci, arrivato al 76’st. Eppure la gara sembrava
essersi messa nei binari giusti; già al 6’pt Zielinski colpisce un
palo con un tiro da fuori area a Szczesny battuto. Al 10’pt si sblocca
il risultato, Bonucci perde palla nella propria metà-campo con Allan
che la recupera e la cede a Callejon, che con un assist al centro la
serve a Mertens, che la appoggia con facilità in rete. Primi venti
minuti di gran calcio del Napoli che però sul più bello si
affievolisce, al 26’pt giocata extra-lusso di C.Ronaldo che dalla
sinistra col sinistro mette una palla al bacio per la testa di
Mandjukic, che realizza la rete dell’1-1. Al 29’pt ancora CR7 ci prova
su calcio di punizione, ma nell’occasione Ospina si supera. Al 43’pt
si rivede il Napoli; Insigne serve Mario Rui che col sinistro sistema
il pallone sull’altro piede che con un tiro ad effetto per poco non si
infila all’incrocio dei pali. Nella ripresa al 49’st ribalta il
risultato la ”vecchia signora”, con il solito CR7 protagonista, tiro
da fuori area che Ospina respinge sul palo, che non può nulla sulla
respinta sulla quale si fionda Mandjukic che a porta vuota fa 2-1. II
Napoli è tramortito ed al 58’st rimane anche in inferiorità numerica
per una doppia ammonizione a Mario Rui per un fallo su Dybala. Al
61’st Ancelotti sostituisce Zielinski e Mertens per Malcuit e Milik ed
al 71’st il Napoli ha l’occasione per portarsi sul 2-2 al 72’st ma
Callejon, innescato da Milik in centro d’aria, si fa ipnotizzare da
Szczesny che neutralizza il suo sinistro. Così si arriva al 76’st
corner dalla destra di C.Ronaldo, si inserisce Bonucci, che con un
tocco ravvicinato fissa il risultato sul 3-1. Napoli dunque che sul
più bello viene meno, ora ci sarà un ostacolo proibitivo in Champions
come il Liiverpool, mentre la Juve per l’ennesima volta dimostra di
farla da padrone nel calcio italiano e non solo.