Napoli, il cantiere Unesco chiuso per racket riapre lunedì. Il titolare incontra de Magistris

98
in foto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli

Riaprirà lunedì il cantiere Unesco chiuso stamattina dopo le reiterate minacce del racket a Napoli. L’epilogo della vicenda dopo che il sindaco Luigi de Magistris, ha ricevuto i titolari della ditta ‘La Spinosa’ che stava lavorando al restyling di Porta Capuana. Da fonti del Comune si apprende che a seguito dell’incontro la ditta ha dato la sua disponibilità a riaprire il cantiere e a proseguire nei lavori. Pertanto il cantiere sarà di nuovo all’opera già nella giornata di lunedì.
La ditta ‘La Spinosa’ stava lavorando a Porta Capuana nell’ambito del Grande Progetto Unesco prima di subire le minacce del racket per due giorni consecutivi. Di qui la decisione del titolare di richiamare a casa gli operai e sospendere i lavori da oggi. A far tornare sui propri passi i proprietari dell’impresa – a quanto si apprende – è stata la grande attenzione e la vicinanza ricevuta dalle istituzioni cittadine. Una vicenda – da quanto si apprende – che Palazzo San Giacomo ha seguito “con grande attenzione” sin dalla giornata di ieri col sindaco in prima persona ma anche col Capo di Gabinetto Attilio Auricchio, l’assessore Calabrese e i responsabili della polizia locale