Napoli Capitale, il menù dell’Antiquario che esalta la nostra città

91

Locale: L’Antiquario
Tipologia: Cocktail Bar
Indirizzo: Via Vannella Gaetani, 2, 80121 Napoli
Telefono: 0817645390
Prezzo: €€€

L’Antiquario rappresenta da anni un’eccellenza della nostra Napoli, ed è noto per il suo stile, l’atmosfera unica e l’elevata preparazione del personale, i White Jacket che tutti amano. Si è fatto strada nei cuori degli amanti di speakeasy e del bere bene, che a Napoli possono finalmente godere di un locale all’altezza delle altre grandi città, per qualità ed ambiente.

in foto un grande classico, il Penicillin: raramente ne berrete uno più buono

I grandi classici sono anche qui una scelta giusta, perché ben curati e bilanciati, dal sapore che solo alcolici di alto livello possono donare ad un bicchiere. Ma limitarsi al conosciuto può essere limitante in un cocktail bar di questa fascia: il menù Napoli Capitale, nato e studiato per esaltare ciò che rende unica la nostra città, offre infatti alternative eccezionali.

in foto Il Volcano Daisy, un drink a base Whisky che richiama la forza del Vesuvio, e che ci ricorda come la natura possa crescere e conquistare tutto

Un’esplosione di sapori campani: il Volcano Daisy è composto da albicocche pellecchielle del Vesuvio, liquore Strega, maraschino e limone. Un mix destinato a far impazzire il palato dei clienti. Sempre a base Whisky troviamo anche il Mr Young, un drink più eclettico ma altrettanto godurioso per gli amanti del genere.

in foto il Coccodrillo, sulla destra, un cocktail a base Gin per chi ama consumare con calma e gusto il proprio bicchiere

Un must per gli amanti di alcolici duri e decisi, il Coccodrillo è una miscela di gin infuso, grappa, vino aromatizzato con gocce di maraschino al carcadé. Un bicchiere semplicemente perfetto per chiudere una serata con una bevuta intensa ed indimenticabile. Insomma, un’altra idea meravigliosa di un personale che merita solo stima ed ammirazione, capace di creare un menù ampio e per tutti, con tanti drink da scoprire!
Se l’articolo vi ha incuriositi, potete seguire L’Antiquario sui profili social Facebook ed Instagram.