Napoli, carabinieri infedeli: cinque arrestati, altri tre sospesi. Rivelavano segreti d’ufficio

209

I carabinieri del Comando provinciale di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di sottoposizione agli arresti domiciliari a carico di 5 carabinieri e di sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio per un anno a carico di altri 3 militari, ritenuti responsabili, a vario titolo, di corruzione, omissione di atti d’ufficio e rivelazione di segreti d’ufficio, nell’ambito di un’indagine condotta dal Nucleo Investigativo del Gruppo di Castello di Cisterna e coordinata dalla Dda partenopea. Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Napoli. I particolari dell’indagine saranno resi noti nel corso di un incontro con il procuratore Giovanni Melillo, che si terrà, alle 12, presso la sala Filippo Beatrice, all’ottavo piano della Procura presso il Tribunale di Napoli