Napoli, Carfagna all’attacco: Debito ingiusto? E’ solo 5% del totale

56
In foto Mara Carfagna, deputato di Forza Italia

“Chiediamo all’amministrazione de Magistris di fermarsi a riflettere e fare quello per cui è stata eletta. E al sindaco di smettere di fare il capopopolo e di aizzare le folle contro presunte congiure oligarchiche che vede soltanto lui. Parla di debito ingiusto. Che significa ingiusto? Che non l’avete contratto voi? Vi diamo una notizia, siamo d’ accordo. Ma per il principio di continuità amministrativa, e il sindaco, che è un uomo di legge, lo sa, quel debito va pagato così come i Governi che si sono succeduti, compreso quello targato Forza Italia, hanno dovuto fare i conti con il debito pubblico accumulato negli anni passati. E mentre il sindaco era in piazza ad arringare le folle, è stato solo grazie agli uffici comunali al tavolo delle trattative se quel debito sul Cr8 sarà pagato anche in parte dallo Stato. Basta sceneggiate”. Così Mara Carfagna, vicepresidente della Camera, deputato e consigliere comunale di Forza Italia a Napoli nel corso della seduta di Consiglio comunale di oggi. “E tranquillizziamo anche i napoletani – ha aggiunto la Carfagna – costretti a subire il terrorismo psicologico di questa amministrazione: se mai dovesse fallire il Comune di Napoli, ma lo impediremo in ogni modo ancora una volta solo per i napoletani e non per questa giunta, sarà per colpa dell’incompetenza di chi la governa. Il debito ingiusto rappresenta infatti solo il 5 per cento dell’esposizione debitoria del Comune. Basta quindi con i deliri su Napoli autonoma tanto il sindaco ha dimostrato di non poter far a meno dello Stato, senza il quale sarebbe già fallito per l’incapacità di risanare i conti e per il disavanzo accumulato: riscuota, dismetta il patrimonio e accorpi le partecipate”.