Napoli, cittadinanza onoraria a Paolo Grossi

31

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha conferito la cittadinanza onoraria al presidente Emerito della Corte costituzionale, Paolo Grossi. La cerimonia si è svolta nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo. ”Ricevere la cittadinanza onoraria è per me molto importante – dice Grossi – nella mia gioventù avrei sperato di trasferirmi da Macerata dove ero professore universitario a Napoli e invece ebbi il trasferimento a Firenze, la mia città natale. Per me oggi e’ un ritorno a Napoli non come professore ma come cittadino e conta di piu”’. Grossi sottolinea come il suo legame con Napoli sia ”profondo, non improvvisato” ma frutto dell’incontro con colleghi napoletani ”cari e appassionati” che – spiega – ”mi fecero scoprire Napoli come città d’arte ma soprattutto come momento della civiltà mediterranea. Napoli è autentica, spontanea, si manifesta a più’ livelli: dalla poesia alla musica alla canzone e il tutto è inserito in questo paesaggio sublime e paradisiaco che abbiamo intorno con le opere d’arte di cui la citta’ e’ gelosa protettrice”. A tracciare il profilo umano e professionale del Presidente Emerito e’ stato il professore Michele Scudiero. ”Oggi non conferiamo la cittadinanza onoraria – dice il sindaco de Magistris – al presidente Grossi solo per il legame affettivo con la nostra citta’ che sa coniugare diritto e umanità, ma anche in vir’tù delle sentenze emesse dal Presidente Grossi sempre costituzionalmente orientate. Non bisogna mai dimenticare che la Costituzione e’ il faro straordinario che dovrebbe orientare non solo chi ricopre incarichi istituzionali ma ogni cittadino che ne dovrebbe applicare i suoi valori”.