Napoli, i dati di Asia: la differenziata cresce del 4% l’anno

124
in foto Francesco Iacotucci, amministratore delegato dell'Asia

“Non è vero che Napoli sia al palo per la raccolta differenziata come dice il governatore De Luca, la citta’ cresce con tassi del 4% annuo, perfettamente in linea con le grandi metropoli europee”. Lo afferma Francesco Iacotucci, amministratore unico di Asia, rispondendo alle critiche che il presidente della Regione aveva fatto alla citta’ di Napoli per la percentuale di raccolta differenziata. “Dire che Napoli è al palo – spiega Iacotucci – sembra quasi incentivare i cittadini a non farla, sembra giustificare chi non si attiene alla differenziata. Parliamo di una citta’ di un milione di abitanti, non di un piccolo comune. Ma le cifre sono chiare: quattro anni fa eravamo a 90.000 tonnellate l’anno di differenziata, ora a 190.000 tonnellate l’anno e solo di frazione umida raccogliamo 75.000 tonnellate. Anche la cifra del 36% e’ in salita, noi abbiamo come obiettivo nel prossimo biennio di avvicinarci al 45-46% di differenziata, che e’ la cifra delle piu’ importanti metropoli europee”. In merito alla difficolta’ nella raccolta a Napoli nei giorni scorsi, Iacotucci precisa: “Si e’ trattato – spiega – di una difficolta’ legata alla raccolta dell’indifferenziato. E’ chiaro che la costruzione dell’impianto di compostaggio e l’aumento della differenziata fara’ calare anche quella parte di rifiuti e quindi ci sara’ meno possibilita’ di andare in difficolta’. L’effetto del compostaggio e’ proprio di ridurre la parte indifferenziata”.