Napoli, de Magistris: Con il via libera al Bilancio l’assunzione, dopo 30 anni di precariato, degli ultimi 300 Lsu

266

“Oggi è una giornata davvero importante per la nostra città. Venerdì ho anche firmato un emendamento che porterà, con l’approvazione del bilancio in consiglio comunale nella giornata di oggi, all’assunzione di tutti i restanti Lsu (lavoratori socialmente utili) del Comune, quasi 300 persone, con retribuzione al 100%. È un risultato storico fortemente voluto che risolve un ingiusto precariato pubblico di circa trent’anni”. Lo dichiara il sindaco di Napoli Luigi de Magistris prima della riunione dell’Assise chiamata oggi a votare il bilancio di previsione. Anche questa mattina un gruppo di Lsu si è riunito fuori al Maschio Angioino, sede di svolgimento del Consiglio che garantisce il distanziamento, per chiedere l’approvazione del bilancio e contestare i consiglieri dell’opposizione. “Con l’approvazione del bilancio – dice ancora il sindaco – si consolideranno assunzioni per le aziende Abc, Anm, Asia e Napoli Servizi per circa 1000 persone, per gli anni 2020/2021 con procedure che partiranno appena approvato il bilancio. Inoltre, per il Comune sarà bandito nell’anno 2021, sempre all’esito dell’approvazione del bilancio, un concorso per dirigenti a tempo indeterminato di circa 70 unità. Ancora, scorrimento integrale delle graduatorie della polizia municipale e proroga dei contratti a tempo determinato delle unità già assunte”. Per l’anno 2021 “assunzioni di 200 poliziotti municipali, circa 200 unità tra graduatorie Formez di varie categorie, avvocati, funzionari scolastici, agronomi. Ancora, la progressione verticale, attesa da anni, per circa 500 dipendenti nelle varie categorie tra A e D. Per non parlare delle migliaia e migliaia di posti di lavoro collegati, anche indirettamente, all’approvazione del nostro bilancio in consiglio comunale. Sono segnali, anche assai concreti, per il lavoro, in un momento così drammatico della nostra città. Sarebbe un durissimo colpo alla città ed a tantissime famiglie, già così colpite da nove mesi di sacrifici e sofferenze, se tutto questo lavoro fosse vanificato dalla mancata approvazione del bilancio”.