Napoli, de Magistris: Errore della Corte Conti ma niente dissesto

69
o LUIGI DE MAGISTRIS facebook

“Considero la decisione delle Sezioni Riunite della Corte di Conti un errore. E’ giuridicamente infondata e produce una profonda ingiustizia sociale che ricade sulla nostra città ma posso rassicurare tutti che Napoli non andrà in dissesto”. Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, all’indomani della sentenza della Corte dei Conti che ha parzialmente respinto il ricorso dell’amministrazione e ha ritenuto che il Comune abbia sforato il Patto di stabilità nel 2016 non avendo inserito nel bilancio i 100 milioni che rappresentano il debito con il Cr8 risalente al commissariamento post terremoto del 1981. Ieri notte a Palazzo San Giacomo si è svolta una lunga riunione a cui accanto al sindaco e ai vertici politici hanno partecipato anche i vertici amministrativi sui cui volti – dice de Magistris- “ho visto indignazione, rabbia e la consapevolezza che il Comune ha fatto il massimo. Noi non ci fermeremo fino a quando non avremo vinto la partita del debito e se qualcuno ha dubbi sulla nostra capacità di lotta e resistenza se ne accorgerà”.