Napoli, de Magistris: Presto il museo per Totò, c’è intesa col Governo

62
in foto Antonio de Curtis in arte Totò

“Abbiamo messo in campo una strategia comune, dove ho illustrato tutto ciò che abbiamo fatto anche come Città Metropolitana per accelerare l’apertura del museo di Totò. Insieme al governo e alla famiglia dell’attore si può arrivare a costruire un processo partecipato e di gestione di quello che sarà. Abbiamo messo le risorse per farlo al Palazzo dello Spagnuolo a via Vergini ma, insieme al governo e alla famiglia possiamo mettere in campo una serie di valorizzazioni. Ci vedremo nei prossimi giorni anche per parlare dell’anniversario di Caruso”. Così il sindaco di NapoliLuigi de Magistris dopo un suo incontro con il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini. Da parte del governo il primo cittadino ha notato “la massima attenzione per quello che sta accadendo nella città diNapoli nonostante quello che sta accadendo in Italia che, attraverso lo tsunami del coronavirus, sta pagando uno scotto, in termini culturali e turistici, davvero impressionanti”. Pur in una situazione critica e di emergenza si deve dimostrare che “la vita deve continuare perché rischiamo, altrimenti, di contare più morti sociali o per devastazioni psichiche o economiche di quelle prodotte dal virus. Bisogna mantenere equilibrio e tutti quanti lavorare. Gli incontri romani – ha concluso de Magistris – sono serviti anche a dimostrare che tutto quello che abbiamo messo in campo possiamo garantirlo nel massimo della sicurezza e della serenità”.