Napoli, donazione del Pastificio Divella: esercito e arcidiocesi distribuiscono alimenti ai poveri

260

“L’Esercito Italiano, per il tramite del Comando delle Forze Operative Sud, ha ricevuto dalla Divella, azienda operante nel settore alimentare, un importante quantitativo di generi alimentari da destinare in favore all’Arcidiocesi di Napoli per le esigenze primarie delle famiglie più bisognose in questo periodo di difficoltà”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dall’Arcidiocesi di Napoli in cui si precisa che “la donazione di circa 16 tonnellate di generi alimentari di vario genere (pasta, farina, biscotti, conserve, dolciumi), sarà effettuata giovedì 14 maggio alle ore 10 presso la basilica della Madonna del Carmine in piazza Mercato a Napoli”. Il materiale sarà successivamente distribuito dall’Esercito alla Caritas Padre Elia Alleva, gestita dai Padri Carmelitani “che ogni giorno assicura un pasto caldo a 700 persone senza dimora, all’Associazione Asso. Gio. Ca. che attualmente assiste a domicilio 600 famiglie bisognose e al Cair. (associazione pubblica di fedeli), individuate dalla Curie quali beneficiari della donazione”. Saranno presenti alla donazione l’Arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, il Comandante delle Forze Operative Sud, Gen. C.A. Rosario Castellano e alcuni dirigenti della Divella.
L’Esercito italiano è impegnato in questo periodo su vari fronti, come la sanificazione e igienizzazione di edifici pubblici, residenze sanitarie assistenziali e strade di vari comuni d’Italia, in un grande sforzo logistico, operativo e sanitario. Un prezioso contributo è dato in particolare dagli oltre 200 tra medici e infermieri dell’Esercito, che operano costantemente in varie strutture militari e civili d’Italia, per alleviare il peso della pandemia sulle aziende sanitarie locali. A tal fine è stato da poco inaugurato presso il Policlinico militare Celio di Roma un’importante struttura Covid-Hospital in grado di ospitare 150 pazienti.