Napoli, doni dal Papa e dal Governo: all’asta per l’infanzia promossa dal cardinale Sepe raccolti 190 mila euro

27
In foto il cardinale Crescenzio Sepe

Sono stati raccolti 190mila euro con l’Asta di beneficenza per l’infanzia, edizione 2018, voluta dal cardinale Crescenzio Sepe. C’erano i doni di Papa Francesco, della Presidenza del Consiglio dei ministri, del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, quelli del governatore campano Vincenzo De Luca, del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, quelli personali di Presidenza e Giunta della Camera di commercio partenopea. Dalla vendita di questi doni sono stati raccolti 73mila euro, a cui vanno ad aggiungersi altri 27mila raccolti in sala. Gigi D’Alessio, guest star della serata, oltre a intrattenere il pubblico, ha infatti preso parte attiva all’asta, spingendo i presenti a donare ancora. Due sponsor privati, invece, hanno donato 40mila e 50mila euro che serviranno per la realizzazione dei progetti gia’ scelti, tutti destinati ai bambini malati. Tra gli sponsor anche la Banca di credito cooperativo che, con le sue donazioni, contribuisce alla realizzazione dell’ambulatorio per cure odontoiatriche nel carcere minorile di Nisida. Come da tradizione, la serata di beneficenza si e’ svolta nell’Auditorium Rai di Napoli, presentata da Veronica Mazza, Battitore d’eccezione e’ stato Peppe Iodice. I proventi dell’asta 2018 saranno devoluti per la realizzazione dei seguenti progetti: al Policlinico Federico II saranno realizzati un Red Point, una piccola sala di rianimazione e un Centro specialistico per la cura delle malattie vascolari in neonati di peso inferiori a un chilogrammo. Il terzo progetto, con la sinergia anche di altre istituzioni, e’ la realizzazione dell’ambulatorio odontoiatrico per i ragazzi di Nisida.