Napoli, dopo il rogo Villa Comunale chiusa. L’area compromessa sarà transennata. Il sindaco: Incendio doloso

32
(foto da Imagoeconomica)

L’assessore al verde del Comune di Napoli Vincenzo Santagada ha effettuato questa mattina un sopralluogo nella Villa comunale per un’ulteriore constatazione dei danni dell’incendio scoppiato nella serata di ieri. La Villa comunale, informa il Comune, resterà chiusa fino alla sistemazione dei transennamenti che sostituiranno, nella giornata di domani, i nastri limitatori che circondano l’area sottoposta a sequestro. La chiusura totale della Villa nella giornata di oggi “si rende necessaria per la delimitazione dell’area e per l’organizzazione dei turni di guardiania della zona dell’incendio, e questo anche per evitare ingressi che possano compromettere lo stato di luoghi sotto indagine”, aggiunge la nota del Comune di Napoli.

Manfredi: Per fortuna danni limitati
“C’e’ una indagine dei Carabinieri. In questo momento non c’è ancora una idea certa. Si stanno analizzando anche le immagini della videosorveglianza. Sicuramente è stato un episodio doloso. Adesso si capirà bene cosa è successo”. Lo dice il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in merito al rogo di ieri sera nella villa Comunale della città che ha distrutto alcune piante pregiate. “L’importante – aggiunge – è che i danni siano stati molto limitati, però questo ci deve spingere ad agire presto e bene. Si e’ trattato di un episodio brutto. Per fortuna i danni sono limitati, però noi dobbiamo combattere contro il degrado soprattutto degli spazi storici della città. Ed è anche uno sprone ancora importante a lavorare sulla villa Comunale e poter finalmente avviare dei progetti di recupero sia della parte strutturale – quindi dei viali, della illuminazione e della videosorveglianza con un progetto che partirà a breve – sia del recupero del patrimonio arboreo che negli ultimi anni è stato fortemente danneggiato”.