Napoli, fontana di Tatafiore spostata: Sgarbi attacca de Magistris

117
in foto Vittorio Sgarbi

Per Vittorio Sgarbi la rimozione della fontana Itaca dell’artista Ernesto Tatafiore è un “un odioso atto di bullismo amministrativo”. Il Comune nei giorni scorsi ha spostato l’opera d’arte perché, a giudizio dello stesso Comune, necessita di un’opera urgente di restauro. Una rimozione che però, stigmatizza Sgarbi, avvenuto senza avvisare l’artista. Sgarbi attacca il sindaco De Magistris “lo stesso sindaco che lo scorso Natale voleva una torre a forma di corno per alludere alla scaramanzia, oggi mortifica l’arte contemporanea” ribadendo “che sarebbe invece suo compito mantenere e conservare”. E infine annuncia che in un eventuale giudizio tra Ernesto Tatafiore e il comune di Napoli è “disponibile a assumere il ruolo di perito di parte in difesa del diritto d’autore e della dignità della città di Napoli”.