Napoli, Incurabili in rovina. Protesta anche il Touring Club: Intervenga il Governo 

48
In foto il crollo di un pavimento all'interno del complesso degli Incurabili

Un appello “affinché tutte le Autorità preposte, nazionali e locali, e soprattutto il Ministero dei Beni Culturali, intervengano sollecitamente ed efficacemente per ripristinare il Complesso degli Incurabili, che è un Bene di immenso valore storico, artistico e monumentale”. A lanciarlo è il Touring Club Italiano in seguito al crollo e allo sgombero di parte del complesso monumentale napoletano che ospita l’ospedale degli Incurabili e la Farmacia storica e Museo delle Arti Sanitarie. Il Touring Club Italiano definisce il complesso una delle più importanti testimonianze del rinascimento napoletano, “che si trova in una gravissima situazione di dissesto strutturale e degrado ambientale”, si legge in una nota. “Fanno parte – prosegue la nota – del Complesso l’Ospedale degli Incurabili, la chiesa di Santa Maria del Popolo e la Farmacia, incommensurabile scrigno di opere d’arte, attualmente interdette alle visite, ed il Museo delle Arti Sanitarie, aperto al pubblico, testimonianza del percorso di scienza, carità e arte che si è sviluppato sulla collina di Caponapoli”. Il Touring Club ricorda che “infiltrazioni di acqua dovute alla rottura di una condotta e a perdite dalle pluviali e interventi edilizi abusivi e incontrollati sulle strutture adiacenti alla Chiesa e alla Farmacia ne hanno gravemente compromesso la stabilità. Inoltre si è scoperto che nel sottosuolo del complesso monumentale insistono i pozzi degli antichi acquedotti diventati discariche. È di pochi mesi fa il cedimento del basolato del cortile monumentale, seguito poi dal crollo di una volta di sostegno del pavimento retrostante l’altare maggiore della Chiesa, che ha avuto come conseguenza la chiusura della Farmacia e lo sgombero delle strutture ospedaliere”. Il Touring Club Italiano esprime la propria solidarietà al Direttore e ai Volontari del Museo delle Arti Sanitarie, che si propone, in rete con Associazioni e Cittadini, di tenere viva l’attenzione su uno dei Complessi Monumentali più importanti d’Europa.