Napoli, l’associazione “Napoli in Sinergia” si presenta: Battaglia per il centro storico

73
Oltre 200 persone hanno affollato ieri la sala convegno del Grand Hotel Caracciolo di via Carbonara per la presentazione ufficiale dell’associazione Napoli in Sinergia del presidente Armando Coppola. All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, Paolo Russo e il capogruppo Regionale Armando Cesaro che hanno incoraggiato Coppola a portare avanti la sua idea di politica al fianco dei cittadini e del territorio. Il convegno-presentazione ha avuto come tema principale la situazione del centro storico napoletano ma si è poi “allargato” fino a toccare tutti i temi di stretta attualità. A cominciare dagli sgomberi del campo rom di Gianturco al pericolo crollo per la chiesa dei Girolamini. 
“Sui rom stiamo portando avanti una battaglia di civiltà – ha spiegato Armando Cesaro – che non ha assolutamente alcuna connotazione razziale. Crediamo che il modello proposto da Regione e Comune sia un modello sbagliato e lo abbiamo ribadito più volte nel corso del tempo. Stiamo lavorando perché crediamo che le risorse disponibili vadano impiegate per aiutare prima gli italiani e, successivamente, gli altri. Per questo – ha proseguito Cesaro – probabilmente dovrò affrontare procedimenti giudiziari, ma non temo nulla. Non credo che dire prima gli italiani sia la violazione di qualche legge, in caso contrario sfido tutti a querelarmi ancora”.
Dello stesso avviso il parlamentare Paolo Russo, interpellato sui temi dell’ambiente e della raccolta differenziata: “In città come Venezia si arriva a percentuali doppie rispetto a Napoli circa la raccolta differenziata – ha spiegato il deputato – nonostante le ovvie difficoltà logistiche di una città come Venezia. Questo significa che a Napoli non c’è volontà politica di fare qualcosa di buono e non ci sarà mai finchè il sindaco di questa città continuerà a guardare oltre quelli che sono i problemi quotidiani dei cittadini napoletani. A Napoli – ha continua Paolo Russo – de Magistris pensa ad approntare il suo trampolino per poter concorrere per le prossime elezioni, nel frattempo i problemi continuano ad accumularsi senza alcun impegno da parte dell’amministrazione che dimentica di essere stata eletta per occuparsi di strade, di rifiuti, di centro storico e di vivibilità”.