Napoli, la Floridiana a rischio chiusura: de Magistris scrive a Bonisoli

34

È una lunga nota quella che il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha inviato al neo ministro per le Attività Culturali e del Turismo, Alberto Bonisoli, per esprimere la sua “viva preoccupazione per la questione che riguarda il Parco della Villa Floridiana”. De Magistris, nella sua missiva, ricorda che “la Villa – che possiede un inestimabile valore ambientale, paesaggistico e storico – costituisce un prezioso polo di attrazione culturale – con, al suo interno, il Museo Duca di Martina – ricreativo ed artistico, oltre a rappresentare un insostituibile ‘polmone’ verde, non solo per la zona del Vomero, ma per l’intera Città di Napoli”. Il primo cittadino sottolinea anche che “purtroppo, il Parco versa in condizioni precarie per la scarsa manutenzione degli alberi, delle aiuole, dei prati, dei viali, degli arredi e degli impianti, tanto da aver costretto il direttore ad inibire ampie aree, alla sua piena fruizione pubblica. Negli anni scorsi, ho recepito le difficoltà del Polo Museale nel garantire l’accesso libero e gratuito – a causa di una progressiva riduzione di risorse umane e finanziarie – e mi sono impegnato – con sforzi notevoli ed impiegando personale comunale e delle societa’ partecipate – ad offrire una fattiva e proficua collaborazione. Infatti, sono stati sottoscritti accordi – coma la convenzione siglata nel novembre 2013 e l’accordo di sorveglianza del maggio 2016 – che hanno garantito, per diversi anni, appunto, la sorveglianza, la manutenzione ordinaria e straordinaria delle alberature – con la valutazione della loro stabilita’ – dei prati, aiuole, siepi ed arbusti, la pulizia ordinaria e straordinaria dell’intero Parco e dei servizi igienici, la manutenzione degli elementi di arredo. Ma tale supporto, e me ne rammarico – per le note difficolta’ economiche del Comune di Napoli – non può essere più garantito”.