Napoli, la proposta dei Maestri di strada: Una “gang” per strappare i giovani alla criminalità

204
in foto Cesare Moreno, presidente dei Maestri di Strada a Napoli

“Fossero baby gang, almeno avrebbero una sorta di identità, ma in realtà non lo sono, sono aggregazioni ‘volanti’, occasionali di ragazzi e ragazzini che si ritrovano per strada e agiscono”. Lo afferma Cesare Moreno, presidente dei Maestri di Strada a Napoli, commentando quanto sta accadendo negli ultimi tempi nel capoluogo partenopeo. “Cosa fare? E’ difficile. E’ difficile ragionare con questi gruppi di ragazzi – spiega Moreno – tutti pensano di sapere cosa vogliono, cosa cercano questi ragazzi in realtà non lo sa nessuno: il problema a mio parere è che manca un’interlocuzione valida, seria per questi giovani. Con chi parlare che comprenda cosa desiderano, cosa cercano. Gli stessi genitori non conoscono i propri figli perché non parlano con loro”. “Certo, potremmo costituirla noi una gang, ma che abbia le idee chiare – dice Moreno – nel nostro piccolo di Maestri di Strada, un’idea l’abbiamo: a Napoli ci sono tanti ragazzini di otto, nove anni che la sera tardi scorazzano per strada e anche se vigili urbani o polizia li prendono e riconsegnano ai genitori, con una ramanzina, i ragazzini poco dopo sono nuovamente per strada. E’ necessario attirare le loro attenzione, la loro energia altrove lontano dalla strada e lo si può fare solo scendendo per strada noi e parlare con loro nel tentativo di capire cosa cercano”.
“C’è un esperimento che vorremmo mettere in atto e trasformare in un vero e proprio progetto con il nome di ‘Scavalco’ – spiega Moreno – ci sono dei ragazzi che scavalcano, appunto, le recinzioni degli orti botanici, dei giardini e altro, e compiono delle scorrerie, atti vandalici e vorremmo intercettare questi ragazzi e portarli altrove. Ho cercato di avvicinarli e non sono poi così temibili come li dipingono: si può fare qualcosa, dobbiamo fare qualcosa”. “Noi, Maestri di Strada, non siamo molti e agiamo in un territorio difficile ma si deve fare qualcosa – conclude – per strappare questi giovani alla strada e alla criminalità e per farlo ribadisco bisogna parlare con loro e comprendere cosa cercano”.