Napoli, l’Asl pagherà per intero la terapia del bambino autistico. Accolto il ricorso della famiglia

21

Il Giudice del Tribunale di Napoli Nord Maria Caroppoli ha accolto il ricorso di una famiglia con un bimbo autistico imponendo alla Asl di competenza di assicurare le risorse necessarie per l’erogazione integrale delle prestazioni indicate nel progetto terapeutico, in base alla Legge nazionale 134/2015 e ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza. A renderlo noto è lo stesso ricorrente, Salvatore Cimmino, presidente di Autismo Campania Onlus, associazione nata dopo l’incontro con Autismo Abruzzo Onlus che in Abruzzo ha gia’ ottenuto soddisfacenti risultati a sostegno di famiglie con autismo, riuscite, dopo un lungo percorso giudiziario, semplicemente a far applicare leggi esistenti. Nel ricorso, curato a titolo gratuito dall’avvocato Giovanni Legnini che da tempo segue Autismo Abruzzo Onlus, si precisava che su 13 ore prescritte nelle terapie per il bambino, solo 7 venivano erogate, a causa della indisponibilità da parte del centro riabilitativo. Il dispositivo del giudice Caroppoli ha stabilito che “accoglie il ricorso, in via d’urgenza, per quanto di ragione e, per l’effetto, ordina all’Asl Napoli 2 Nord Distretto di Afragola, di fornire ai ricorrenti le risorse economiche necessarie per garantire la continuità e la completezza del trattamento ABA gia’ seguito dal minore presso il medesimo centro attualmente frequentante dal minore, con integrazione delle 2 sedute di neuropsicomotricità extramurarie, delle 2 sedute di fisioterapia in acqua e delle 2 sedute di logopedia”. Si tratta, spiega Cimmino, di un intervento intensivo “che in tenera età può fare la differenza, può garantire una vita il più possibile dignitosa, migliorandone la qualità. Invitiamo tutti a collaborare – dichiara Cimmino in una nota – e a condividere le migliori esperienze affinché le famiglie non siano più sole e le Istituzioni siano ‘stimolate’ a rispettare i diritti di tutte le persone con autismo”.