Napoli, Lettieri: emergenza abitativa, che ingiustizie

24

“Il Comune di Napoli tutela illegalità come l’occupazione dell’Asilo Filangieri e invece invia lettere di sfratto o di morosità ingiustificate a intere famiglie”. L’accusa arriva dal candidato sindaco Gianni Lettieri e si riferisce alle centinaia di lettere inviate nelle scorse settimane dalla Napoli Servizi, azienda partecipata dell’amministrazione comunale, a diversi nuclei familiari che vivono, in particolare, nei quartieri di Pianura e di Chiaiano. Secondo quanto riferito, molti dei destinatari delle missive hanno già ricevuto, negli anni passati, il condono e hanno acquisito dunque l’abitazione e altri, invece, sono in attesa che si completi l’iter procedurale. “Mi chiedo – ha aggiunto l’imprenditore – dove sia l’equità da parte di un’amministrazione che approva delibere per consentire occupazioni di immobili comunali da parte di centro sociali e dall’altra invece non tutela il diritto alla casa dei cittadini che hanno già sanato la situazione ottenendo il condono”. Secondo Lettieri, per evitare che si possano ripetere simili situazioni, “è necessario mettere mano alla gestione delle società partecipate del Comune con l’obiettivo di renderle efficienti”. Alla conferenza stampa erano presenti tutti i capigruppo delle forze di centro destra in Consiglio comunale tra cui il consigliere di Fratelli d’Italia Marco Nonno che ha annunciato che chiederà le dimissioni del presidente della Napoli Servizi Allocca e che per aiutare i cittadini nella risoluzione della questione sono stati aperti sportelli informativi.