Napoli, nell’Albergo dei poveri apre lo “spazio doccia” per homeless

22

Apre a Napoli, a Palazzo Fuga, nell’Albergo dei poveri, lo “Spazio docce”, dedicato ai senza fissa dimora. A distanza di un anno dalla firma della delibera che ne ha avviato l’iter burocratico, il centro è dotato di uno spazio accoglienza diurno con una stanza lavanderia, dalla quale si accede ai due ambienti destinati ai servizi igienici che, divisi per uomini e per donne, si compongono di 6 wc, 6 lavabi e 8 docce, oltre a un servizio per disabili completo per ciascuna delle due aree. “Il servizio sarà aperto tre giorni a settimana, per poche ore al giorno – spiega Roberta Gaeta, assessore al Welfare del Comune di Napoli – L’obiettivo è di orientare le persone per accompagnarle alla relazione, la conoscenza di persone come i medici, gli avvocati, come volontari che possono entrare in contatto con loro”. “Sarà su appuntamento, un po’ come succede in altre realta’ – ha sottolineato – Non ci saranno persone in fila ad aspettare un servizio, e’ un servizio con una finalita’ ben precisa: intercettare le persone con particolari fragilita’”. Gaeta parla di una “prima fase di rodaggio e sperimentazione che poi sicuramente miglioreremo nel tempo, nel rispetto del territorio”. “E’ una cosa che voglio sottolineare. Piu’ volte sono venuta qui, ho incontrato anche alcuni commercianti, associazioni, i cittadini e continuero’ a farlo perche’ possiamo offrire un servizio vero per le persone piu’ fragili, con maggiori difficolta’, soltanto se rispettiamo i territori in cui queste attivita’ questi servizi vengono erogati”. Gli accessi saranno regolamentati dagli operatori che, gia’ da anni, seguono i casi dei cittadini senza dimora. I lavori del progetto “Restituire la dignita’” realizzato in collaborazione con il Rotary Club Napoli Nord Est sono stati eseguiti in circa sei mesi (ottobre 2017 – marzo 2018). Nel dettaglio, interessano un’area di 270 mq della struttura e sono stati finanziati per circa 74mila euro dalla Rotary Foundation mentre la restante parte a copertura dell’importo complessivo dell’appalto di 130mila euro. “E’ la prima volta – ha evidenziato Gaeta – che la Fondazione Rotary finanzia un ente pubblico”. “L’amministrazione vuole rispondere ai bisogni fondamentali delle persone piu’ fragili – ha commentato Carmine Piscopo, assessore comunale all’Urbanistica – con la creazione di uno spazio diurno di accoglienza, sostegno e ascolto, in cui i cittadini senza dimora potranno recarsi per potersi prendere cura di se'”.