Napoli: nelle scuole di Chiaia arriva il “blue box”, la scatola per segnalare casi di bullismo

19

Una scatola a disposizione dei piccoli studenti delle elementari per segnalare, con bigliettini anonimi, eventuali casi di bullismo a scuola. Si chiamerà “blue box” ed è l’idea lanciata dalla Prima Municipalità di Napoli (Posillipo, Chiaia, San Ferdinando), guidata dal presidente Francesco De Giovanni, insieme alla Questura di Napoli che già dalla prossima settimana inizierà un “tour” di incontri nelle scuole materne ed elementari del territorio per permettere ai bambini di relazionarsi, spesso per la prima volta, con le divise della Polizia. L’occasione per fare il punto sulle iniziative a contrasto dei fenomeni del bullismo e delle baby gang è rappresentata dalla notizia di un’inchiesta della Procura per i Minorenni di Napoli che ha svelato un caso di vera e propria estorsione all’interno di una scuola media di Posillipo, quartiere della Napoli “bene” ma non per questo meno sensibile al fenomeno, spiega all’Adnkronos il presidente De Giovanni: “Si può pensare che il territorio di Posillipo e di Chiaia sia più ovattato, ma non è così. Il fenomeno del bullismo è presente e non solo in aree mediamente meno ricche come possono essere il Casale di Posillipo o il Pallonetto Santa Lucia, ma anche dove vive l’alta borghesia. Questa circostanza è stata riportata anche dai dirigenti scolastici di tutte le scuole elementari della Municipalità che martedì scorso abbiamo fatto incontrare in Questura con il vicequestore Carpino, proprio per mettere a punto il progetto che prevede incontri nelle scuole”.