Napoli, nodo debito: de Magistris annuncia “una fase nuova senza sconti”

41
in foto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli

“Ora inizia una fase nuova. Chiameremo tutte le forze politiche parlamentari ad assumersi fino in fondo le loro responsabilità. Non lasceremo scampo a chi si gira dall’altra parte. Saremo il loro incubo politico perché non è giusto che i cittadini italiani e napoletani paghino per l’indifferenza, le colpe e in qualche caso il dolo di chi non affronta con nettezza, concretezza e onestà questi temi”. Lo ha detto all’Ansa il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, annunciando che dal 2 maggio inizia “una fase nuova perché la risoluzione al tema del debito non è più rinviabile”. Il sindaco ha riferito che negli incontri romani si presenterà “con le soluzioni che siamo in grado di proporre alle forze parlamentari e alle istituzioni, nella speranza che ci sia anche un Governo perché sentiamo i due mesi di assenza e soprattutto – ha aggiunto – si avverte la mancanza di una prospettiva legislativa e governativa di cambiamento per gli enti locali e lo dico da sindaco e da vicepresidente Anci sapendo di avere la condivisione degli altri sindaci del Paese”. De Magistris ha sottolineato che la città di Napoli in relazione al debito “ha una posizione molto più grave di altre perché abbiamo ereditato un debito storico che ci sta massacrando e che si avverte nel corpo della città perché non riusciamo ad alzare il livello dei servizi perché facciamo i miracoli per non crollare”.