Napoli, Piano urbanistico attuativo: l’ex area Nato di Bagnoli destinata a sport e istruzione e ricerca

57

La Giunta comunale di Napoli, su proposta dell’assessore all’Urbanistica Carmine Piscopo, ha adottato il Piano urbanistico attuativo per l’ex area Nato di Bagnoli (ex Complesso Ciano). Il Piano è il risultato di un lungo lavoro svolto dall’Amministrazione comunale in collaborazione con la Fondazione Banco Napoli per l’Assistenza all’infanzia proprietaria del complesso, la Municipalità 10 e la collettività che ha preso parte, attraverso assemblee partecipate, alle fasi di redazione del progetto. Il Piano prevede, attraverso forme convenzionate con il Comune e la Municipalità, di destinare l’ex base Militare Nato ad attrezzature sportive, istruzione, attrezzature di interesse comune, ricettive, per il tempo libero e per l’ospitalità, attività di ricerca produttive e terziarie e attività socio-assistenziali. La progettazione ha tenuto conto di criteri di accessibilità e fruibilità, attraverso l’apertura della grande Piazza Centrale e dell’asse finale del viale della Liberazione per eventi e manifestazioni, insieme con criteri di sostenibilità ambientale ed ecologica, mediante l’introduzione di sistemi di mobilità non inquinanti e una gestione innovativa del ciclo dei rifiuti.
“L’adozione del Piano – dichiara Piscopo – rappresenta un risultato importante per la trasformazione dell’ex base militare Nato in un’attrezzatura collettiva e sociale di scala metropolitana, aperta principalmente ai giovani e al quartiere”. “Ringrazio gli Uffici dell’Urbanistica, la Fondazione Fbnai, il dipartimento di Architettura e il Rettorato dell’Università di Napoli Federico II, la Municipalità, l’Osservatorio Beni Comuni e quanti tra cittadini, associazioni e movimenti hanno concretamente partecipato, mediante tavoli tecnici e incontri pubblici, alla restituzione alla città di un’area che da luogo militare oggi si apre a percorsi sociali, inclusivi e di pace”, conclude Piscopo.