Napoli, Piazza Garibaldi sarà un parco: centinaia di alberi e piante. Tutto pronto per le Universiadi

1446
In foto un plastico della nuova piazza Garibaldi

È cominciata oggi la piantumazione dei primi dieci alberi dei 130 che formeranno il parco urbano di Piazza Garibaldi a Napoli, completando l’arredo stabilito nel progetto della stazione della Linea 1 della Metropolitana di Dominique Perrault. Il primo albero piantato nel grande spazio della piazza è alto sette metri. In tutto saranno 130 gli alberi di alto fusto a cui verranno affiancate oltre 200 piante nelle aiuole. Il Parco prevede anche campi da calcetto, playgraund di basket, una cavea naturale dove si svolgeranno spettacoli teatrali e musicali, chioschi e panchine. L’intera area, hanno assicurato i responsabili di Metropolitana di Napoli, sarà pronta in tempo per le Universiadi. “È un sogno – ha spiegato il presidente di Metropolitana, Ennio Cascetta – che abbiamo immaginato a lungo ed è molto bello vedere che si realizza per i cittadini di Napoli. Avremo un biglietto d’ingresso alla città unico al mondo”. Alla cerimonia di piantumazione hanno partecipato anche Mario Calabrese, assessore ai trasporti del Comune e il capo di gabinetto del Comune, Attilio Auricchio. Metropolitana di Napoli, la società che si occupa del completamento di tutti i lavori del progetti della metro cittadina, ha anche inaugurato “Metropolitanadinapoli.it”, un sito internet per raccontare cantieri, viabilità e le bellezze della più importante opera pubblica in Campania. Il sito è anche in versione inglese dove i cittadini, i turisti, i curiosi potranno rivedere Napoli com’era e come si è trasformata grazie alla più grande opera pubblica in Campania che ha consentito di mettere in collegamento centro e periferia, in molti casi bonificando aree abbandonate e degradate grazie a innovazioni tecnologiche di grande rilevanza. Una sezione è dedicata alla storia della città raccontata attraverso la metropolitana con immagini e foto d’epoca. Sul sito si potranno verificare i passi in avanti che si stanno compiendo per completare i collegamenti che ad oggi uniscono già due delle tre porte d’accesso di Napoli (porto e stazione ferroviaria completate e aeroporto in corso d’opera). Una ampia sezione consentirà di apprezzare le bellezze della metropolitana, un museo aperto e gratuito con oltre centosessanta opere di più di cento artisti contemporanei, le stazioni dell’arte realizzate da alcuni dei principali architetti del mondo e una raccolta di reperti archeologici di straordinaria importanza. “È un fondamentale strumento di informazione per i cittadini – ha detto Cascetta – di promozione di una delle bellezze della nostra città e di render conto dei lavori che si stanno realizzando. Con questo strumento intendiamo anche raccontare Napoli attraverso la metropolitana”.