Napoli, rimpasto al Comune: Del Giudice vice sindaco, due nuovi assessori

89

Nuovo rimpasto per la Giunta comunale di Napoli guidata dal sindaco Luigi de Magistris. Due i nuovi nomi e diversi i cambiamenti nelle deleghe dello stesso sindaco e degli assessori che già da diversi anni fanno parte della squadra di de Magistris. A lasciare sono Alessandra Sardu e Maria D’Ambrosio, fanno il loro ingresso Laura Marmorale e Monica Buonanno: alla prima vanno le deleghe ai diritti di cittadinanza, coesione sociale, immigrazione e integrazione dei migranti, mentre la seconda riceve le deleghe al lavoro, al diritto all’abitare e alle attività produttive. Temi “centrali – ha spiegato il sindaco – nella fase che stiamo vivendo e obiettivi sui quali non sono ancora soddisfatto”. Cambia anche il vicesindaco:non più Raffaele Del Giudice, assessore all’ambiente che mantiene la delega, ma Enrico Panini, confermato assessore al bilancio.
De Magistris ha spiegato la decisione così: “Oggi per questa Amministrazione è prioritario il tema del bilancio e dell’economia e ho bisogno di un assessore che, con la funzione di vicesindaco, possa avere la forza e la rappresentatività necessaria per stare ai tavoli dove si sta decidendo la madre di tutte le battaglie. E ho bisogno di una persona che abbia la pienezza dei poteri necessasri anche in mia assenza, perché da oggi sono impegnato nella mia città ma anche a portare oltre i confini della nostra città il laboratorio Napoli”. Su presunte spinte da parte delle componenti della coalizione che sostiene de Magistris in Consiglio comunale, lo stesso sindaco chiarisce di non aver “mai avvertito il peso di richieste inaccettabili, ma ho percepito legittime aspirazioni ad esserci maggiormente. Il risultato necessario di questo cambiamento è rafforzare la coalizione. Comprendo che ci siano persone che ci restano male e altre che sono più contente, è nella natura della politica, ma sono tranquillo e convinto che non ci sarà alcuna rottura politica o umana e anzi ne usciremo più rafforzati nell’ottica di una coalizione plurale”.