Napoli, riunione in commissione Universiadi. Moretto: tempi certi per il San Paolo

27
In foto Vincenzo Moretto

“Chiediamo tempi certi nella conclusione dei lavori nell’interesse generale, nell’interesse della città anche per dare tranquillità alla società Calcio Napoli e ai tifosi ricordando che lo stadio è della città. La politica è di passaggio mentre lo stadio resta e deve restare un patrimonio inestimabile per la citta”‘. Così si è espresso il presidente della commissione consiliare Universiadi, Vincenzo Moretto, in occasione della riunione che si è svolta oggi con all’ordine del giorno lo stato dei lavori allo stadio San Paolo in vista delle Universiadi del 2019.
Moretto, in apertura, ha stigmatizzato l’assenza dell’assessore allo Sport, Ciro Borriello, ed ha definito “non congrue” le motivazioni addotte dall’assessore nella lettera inviata agli uffici. Rispetto allo stato dei lavori al San Paolo, Moretto ha espresso “preoccupazione perché le gare non sono state ancora aggiudicate”, ad eccezione di quella per la pista di atletica i cui interventi sono anche stati conclusi. “Serve – ha affermato – la garanzia dei tempi di conclusione perché tutti gli impianti devono essere consegnati entro maggio 2019”.
Il presidente di commissione ha riferito che nelle prossime settimane saranno convocate ulteriori riunioni a cui sarà richiesta la partecipazione del neo commissario alle Universiadi Basile, dell’amministrazione e dei tecnici “per capire a che punto siamo con le gare e con l’organizzazione complessiva dell’evento sportivo”.
Oggetto delle riunioni saranno anche il programma della mobilità cittadina e la sicurezza in vista delle Universiadi.
Nel corso della commissione, il consigliere Pd, Diego Venanzoni, ha sottolineato la necessità di fare il punto sullo stato dei lavori di tutti gli impianti ed ha evidenziato i ritardi evidenziando che “per gli interventi alla piscina Scandone sono previsti 10 mesi di lavori e a oggi non si è ancora iniziato nulla”.
Dure critiche per l’assenza dell’amministrazione comunale sono state espresse dal consigliere David Lebro (La Città) secondo cui “la città è senza governo” e dal consigliere Andrea Santoro (Fdi) secondo cui “l’assessore Borriello e l’amministrazione si occupano solo della querelle con la società calcio Napoli lasciando da parte il rilancio dello sport per Napoli e i napoletani che nelle Universiadi potrebbe trovare una grande occasione”.
Rispetto alla querelle con il Calcio Napoli, il consigliere di maggioranza, Mario Coppeto, ha affermato: “il presidente De Laurentiis se ne facesse una ragione: per le Universiadi si devono fare i lavori allo stadio”.