Napoli, scintille de Magistris-De Luca. Il sindaco: Meglio poveri ma onesti

22
in foto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli

“Lo dite voi che era un attacco nei miei riguardi perché il presidente non ha il coraggio di nominarmi”. Risponde così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ai giornalisti che, a margine di un incontro nella sala Giunta di Palazzo San Giacomo, gli chiedono dei commenti su Napoli del presidente della Regione, Vincenzo De Luca. “Meglio poveri ma onesti, problemi suoi vive di astio e rancori”, afferma il primo cittadino, “se si vive di astio e rancori non si va molto lontano, la vita istituzionale è fatta di rapporti corretti, mi ricorda molto l’atteggiamento che ha contraddistinto il Governo nazionale, quando l’allora presidente Renzi non voleva riconoscere il ruolo della città”. “Spiace”, spiega il leader di demA, ” che lui ha una sofferenza anche per la città di Napoli, lui ha un rapporto allergico con la città di Napoli, io cerco sempre il dialogo istituzionale ma a proposito dell’invito ad andarsene dico che è meglio poveri e onesti. A differenza sua vogliamo costruire rapporti molto belli con tutte le città della Campania, non viviamo di astio e non siamo violenti nell’utilizzare le istituzioni democratiche del nostro Paese”.