Napoli, prima sconfitta stagionale

20
In foto Fabio Quagliarella
di Diego Pantani
Il Napoli prende tre schiaffi a Marassi con la Sampdoria e vede la Juventus allontanarsi di tre punti in testa al campionato. Eppure già al 1’pt gli azzurri potrebbero passare in vantaggio con Insigne che, servito da Allan, non riesce a trovare lo spazio giusto per battere Aiuterò. All’11’pt, il Napoli viene sorpreso da un contropiede orchestrato da Saponara che serve il pallone a Defrel che, con un destro da fuori area sotto la traversa, punisce Ospina. Il Napoli questa volta subisce il colpo e non riesce a ribaltare la situazione, anzi al 31’pt Quagliarella attira su di sé la linea difensiva del Napoli che libera lo spazio per Defrel che, con troppa facilità fa doppietta. Nella ripresa Ancelotti fa un doppio cambio sostituendo Insigne ed un poco convincente Verdi per Ounas e Mertens tentando di riaprire l’incontro; Mario Rui scende sul fondo e crossa per la testa di Milik, ma Autero mette in angolo. Mertens mette un po’ di vivacità ed al 56’pt arriva al tiro col sinistro ma, anche in questo caso il portiere blucerchiato, risolve la questione. Al 75’pt è l’ex azzurro Quagliarella a mettere in ghiaccio la partita, cross dalla destra di Bereszynski e l’attaccante stabiese, con un geniale colpo di tacco al volo inventa una traiettoria imparabile per Ospina. Gli unici a salvarsi da questo pesante lo sono solo il solito Allan e un Ounas apparso in buona forma, per il resto sono apparsi tutti al di sotto della loro potenzialità. Ora ci sarà la sosta per le nazionali, ma fra quindici giorni bisognerà reagire subito perché al S.Paolo arriverà la Fiorentina che si dovrà cercare in tutti i modi di superare, per non perdere ulteriore terreno dalle posizioni di vertice della classifica.