Napoli sconfitto al Ferraris, è notte fonda

33

di Diego Pantani

II Napoli va a Genova per giocare contro i rossoblù privo di due
elementi quali Ghoulam e Koulibaly colpiti dal covid. II primo ad
andare alla conclusione è Lozano al 4’pt che prova una conclusione da
fuori, ma Perin si lancia e mette il pallone in calcio d’angolo.
All’11pt alla prima occasione a passare è il Genoa, che sfrutta uno
svarione difensivo azzurro con Demme che effettua un retropassaggio
per Maksimovic il quale viene intercettato da Pandev che, con
destrezza, segna la rete del vantaggio genoano. Al 24’pt il Napoli ha
una grossissima opportunità di pareggiare con Petagna, ma il suo colpo
di testa, su cross di Mario Rui dalla sinistra, si infrange contro la
traversa. Al 26’pt il Genoa raddoppia dopo un’azione corale composta
da ventuno passaggi riusciti conclusa da Zayc che serve in area
Pandev, che realizza la doppietta dell’ex. Al 42’pt Mario Rui cerca di
diminuire lo svantaggio con un sinistro al da fuori area che termina
alto sulla traversa. Termina così il primo tempo sul risultato di 2-0
per i padroni di casa che hanno sfruttato al meglio le uniche due
occasioni create. Al 52’st Gattuso cerca di cambiare qualcosa
inserendo Osimhen e Insigne per Petagna e Zielinski. AL 62’st è
proprio l’attaccante nigeriano ad andare alla conclusione su un cross
di Mario Rui ma il suo tiro è impreciso e va alto sulla traversa. Al
68’st il Napoli perde anche Mans per un problema fisico che lascia il
posto a Rrahmani. Al 70’st ci prova anche Demme con un tiro al volo da
calcio d’angolo ma Perin compie gli straordinari levando il che era
diretto nel sette. La sfortuna azzurra non ha fine quando al 77’st un
tiro di Insigne va a sbattere contro il palo. Al 79’st il Napoli
riesce finalmente ad accorciare le distanze con Politano che sfrutta
un rimpallo favorevole in area e col sinistro segna la rete del 2-1.
L’arbitro concede 4′ di recupero ed al 93’st il Napoli va vicinoal
pareggio dopo un’azione sulla destra di Politano che mette al centro
per Elmas, ma il centrocampista macedone colpisce male il pallone che
termina alto sprecando una ghiotta occasione. Al 94’st c’è un ultimo
disperato attacco del Napoli con Mario Rui che viene toccato in area
da Scamacca ma il tocco non viene considerato da rigore dall’arbitro
che quindi fa spegnere definitivamente le speranze del Napoli che ora
è atteso da altre due partite immediate contro l’Atalanta in Coppa
Italia e Juventus in campionato allo stadio ”Diego Armando
Maradona”.