Napoli, targa commemorativa del Comune in onore di Salvatore Di Giacomo

44
in foto Salvatore di Giacomo

La giunta comunale di Napoli, presieduta dal sindaco Luigi de Magistris, ha approvato tre delibere riguardanti la toponomastica cittadina. La prima permetterà, su proposta dell’assessore alla Cultura, l’installazione di una targa commemorativa sulla facciata dell’edifico in Via Santa Lucia 107, dove tra il 1916 e il 1932 visse il grande poeta e drammaturgo Salvatore Di Giacomo accademico d’Italia, fondatore con Benedetto Croce della rivista Napoli Nobilissima. La seconda delibera autorizza l’intitolazione di 5 aree di circolazione ad importanti figure: a Ipazia d’Alessandria filosofa vissuta tra il 4° e il 5° secolo A.C., alla grande attrice napoletana Luisa Conte, alla religiosa Suor Maria delle Suore della Provvidenza fondatrice, con Don Luigi Scrosoppi, dell’ordine monastico, all’avvocato Silvio Serino, difensore del movimento operaio in importanti vertenze di lavoro nonché autore di numerosi saggi di politica sociale, a Fabio Maniscalco archeologo napoletano scomparso nel 2008 a causa dell’esposizione all’uranio impoverito durante la campagna di Bosnia/Kosovo. Infine la terza delibera, su proposta dell’assessore alla Toponomastica Alessandra Clemente e della Municipalità 8, intitola il parco pubblico di Marianella al giovane Lino Romano, vittima innocente di camorra, barbaramente ucciso per un tragico scambio di persona il 15 ottobre 2012, che così diventa “Parco Lino Romano”.