Napoli, Universiadi: per l’apertura mega show al San Paolo. Basile: Cerimonia modello Olimpiadi

367

“Apriremo i Giochi con una cerimonia modello Olimpiadi”. Così il commissario straordinario per le Universiadi 2019, Gianluca Basile, in un’intervista al Mattino che annuncia un megashow allo stadio San Paolo per l’avvio della rassegna. Durante i Giochi, spiega Basile, “ci aspettiamo le eccellenze dei college americani nel basket e nella pallavolo. La Figc ci ha promesso una squadra competitiva nel calcio. Abbiamo deciso che la finale femminile pallacanestro si svolgerà al Palabarbuto. La Federnuoto dovrebbe iscrivere Gregorio Paltrinieri, non sarebbe male”. In particolare, poi, “la Federcalcio ci sta dando una grande mano, sogniamo di coinvolgere anche Meret che è studente universitario ma sappiamo bene che non è facile per i club di prima fascia prestare i propri calciatori in quel periodo dell’anno”. C’è poi un sogno: “Filippo Tortu. La sua presenza avrebbe un valore simbolico straordinario perché Pietro Mennea proprio 30 anni fa stabilì lo strabiliante record del mondo nel 200 metri – il 19″72 che ha poi resistito 17 anni prima di essere battuto da Michael Johnson – durante l’edizione di Città del Messico delle Universiadi”. Per quanto riguarda la cerimonia di inaugurazione ci sono ancora da definire dettagli, ma “sarà uno show spettacolare ovviamente più piccolo ma simile, nell’idea, all’Olimpiade vera e propria”. Sui ritardi, spiega Basile al Mattino, dopo le prime incertezze “il Coni poi ci ha creduto, come Regione e Comune”. Strategica l’idea di ristrutturare gli impianti, per quanto riguarda le tv le gare saranno trasmesse sul satellite “ma puntiamo anche su Raisport”. E gli sponsor “ci offrono le divise ed un’agenzia si occuperà delle sponsorizzazioni”. Da oggi, infine, dopo una fase di stallo “parte la campagna per reclutare i volontari”