Napoli, via alla manutenzione della rete fognaria

23

Via agli interventi di manutenzione della rete fognaria di Abc Napoli su tutto il territorio cittadino. Dopo essere subentrata dal 29 aprile scorso nella gestione della rete fognaria pubblica e di raccolta dello smaltimento delle acque meteoriche, l’azienda speciale Acqua Bene Comune di Napoli ha iniziato in maniera calendarizzata gli interventi di controllo, pulizia, manutenzione ordinaria, disostruzione di grate, canali fognari e caditoie stradali. Resta alta l’attenzione anche sugli interventi di natura straordinaria che vengono puntualmente effettuati soprattutto su segnalazioni della cittadinanza e delle Municipalità. In tempo per il periodo autunnale, le attività messe in campo da Abc hanno l’obiettivo di migliorare, attraverso la manutenzione e pulizia delle caditoie e sistemi di raccolta delle acque di pioggia, la funzionalità e la capacità ricettiva della rete di drenaggio del territorio cittadino, con un piano di interventi che, a partire dalle aree a maggior rischio di allagamento, riguarda tutte le strade cittadine, consistiti in particolare in un primo ciclo di interventi di pulizia che ha avuto inizio da metà maggio attraverso l’esecuzione di tutte le attività di pulizia e svuotamento delle caditoie stradali, griglie e canali di raccolta delle acque di pioggia e relative verifiche di funzionalità con consequenziali rifunzionalizzazioni laddove necessario.
Per quanto attiene la pulizia delle caditoie, gli interventi svolti hanno riguardato la rimozione del materiale ostruente la parte superficiale dei manufatti, per asportare foglie, cartacce e tutto il materiale sedimentato e stratificato che occludeva i manufatti di captazione delle acque di ruscellamento superficiale, eliminando inoltre ogni accumulo di materiale giacente sulla parte superficiale e nel manufatto di ispezione che potrebbe impedire il passaggio dell’acqua, al fine di mantenere l’efficienza di caditoie e griglie stradali, evitando il ristagno delle acque meteoriche; gli stessi sono stati sviluppati in tutto il territorio cittadino, privilegiando le aree recentemente interessate da fenomeni di allagamento. “L’efficacia degli interventi – dichiara il commissario straordinario di Abc Sergio D’Angelo – è stata maggiore laddove le strutture comunali hanno fornito il proprio supporto. visto che le operazioni da sviluppare interferiscono in maniera sostanziale con la viabilità. Proprio per tale motivo, per ottimizzare le attività da pianificare nel prossimo trimestre, Abc ha provveduto alla ripresa delle attività amministrative dopo la pausa estiva a rinnovare l’invito a tutte le Municipalità a trasmettere le informazioni sulle ulteriori necessità e rendersi disponibili per condividere la pianificazione delle stesse in maniera tale da migliorare l’efficacia degli interventi eseguiti”.
Per quanto attiene la pulizia delle caditoie, gli interventi svolti hanno riguardato la rimozione del materiale ostruente la parte superficiale dei manufatti, per asportare foglie, cartacce e tutto il materiale sedimentato e stratificato che occludeva i manufatti di captazione delle acque di ruscellamento superficiale, eliminando inoltre ogni accumulo di materiale giacente sulla parte superficiale e nel manufatto di ispezione che potrebbe impedire il passaggio dell’acqua, al fine di mantenere l’efficienza di caditoie e griglie stradali, evitando il ristagno delle acque meteoriche; gli stessi sono stati sviluppati in tutto il territorio cittadino, privilegiando le aree recentemente interessate da fenomeni di allagamento. “L’efficacia degli interventi – dichiara il commissario straordinario di Abc Sergio D’Angelo – è stata maggiore laddove le strutture comunali hanno fornito il proprio supporto. visto che le operazioni da sviluppare interferiscono in maniera sostanziale con la viabilità. Proprio per tale motivo, per ottimizzare le attività da pianificare nel prossimo trimestre, Abc ha provveduto alla ripresa delle attività amministrative dopo la pausa estiva a rinnovare l’invito a tutte le Municipalità a trasmettere le informazioni sulle ulteriori necessità e rendersi disponibili per condividere la pianificazione delle stesse in maniera tale da migliorare l’efficacia degli interventi eseguiti”.