Natale al Santobono, un sorriso per i più piccoli

346

Potrà essere un Natale particolare ma non si dimentica la sua principale proprietà di essere solidale: cambia il nome dell’iniziativa ma la sostanza è sempre uguale. Da anni a questa parte Emmanuele Lautieri, grazie al contributo dei suoi amici e dell’associazione “ Apotema – università” , organizza l’evento “Natale al Santobono” per la raccolta dei giocattoli da destinare ai diversi reparti dell’ospedale. Quest’anno l’evento si è amplificato per ovvi motivi, perché l’amore, soprattutto in tempo di covid, ha bisogno di una tangibilità maggiore, più autentica e di grosse proporzioni più che mai. Proprio per questo si è deciso di donare giocattoli, libri e dispositivi elettronici, al policlinico e alla comunità di Sant’Egidio, per dare un sostegno a 360 gradi. L’evento Natale solidale include anche la collaborazione del progetto “Oltre le mura” dove i bambini dell’ospedale riceveranno una letterina di Natale dai carcerati del reparto “Livorno “ di Poggioreale. Un’iniziativa del medico Alessandro Oliviero e dell’ispettore Salvatore De Cicco, per sensibilizzare la voce dei carcerati e dare un supporto di conforto e amore a chi, come loro, è chiuso in una stanza nel giorno di Natale.
Tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione dell’associazione “Apotema – università”, da anni sul fronte delle iniziative benefiche, che vede a capo la presidentessa Valentina Buonocunto. A questo va aggiunto Il supporto speciale di Angelica De Vito: grazie a lei si è potuto aiutare la comunità di Sant’Egidio. I libri donati sono stati acquistati presso la libreria Colonnese, che vede Serena Mazzei come titolare e compartecipe alle diverse iniziative organizzate negli anni. Infine un grosso contributo è stato dato dalla dott.ssa Maria Federica Feliciano e dall’avvocato Carolina Cariello, per la comunicazione dell’evento e l’organizzazione dello stesso. Ci sono mille solitudini e mille detenzioni, ma oltre le mura di tante privazioni, esiste chi vuole esprimere una solidarietà sincera e mai come nei giorni di Natale, i doni sono la cosa più graditi a tale scopo, perché la tradizione di un babbo con la barba che distribuisce doni a tutto il mondo, è una cosa seria ed eterna, emozionante e irrinunciabile, e anche per questo ci deve essere qualcuno che ci pensa.