Natale: Tci, 64% in partenza, Italia più gettonata ma in calo rispetto a estero

7

Roma, 5 dic. (Labitalia) – Il 64% degli italiani aderenti alla community Touring Club Italiano partirà per le vacanze natalizie e sceglierà prevalentemente l’Italia come meta (65%, in calo rispetto al 71% dell’anno scorso). È quanto emerge da un’indagine del Centro studi Tci sulle intenzioni di viaggio della community Touring, composta da 300mila persone. In Italia le regioni preferite saranno Trentino-Alto Adige, scelta dal 29% dei rispondenti (in particolare Val Badia, Val di Fassa, Val di Fiemme e Val Pusteria), Veneto 8% (Cortina, il Cadore e Venezia), Lombardia 8% (Valtellina) Toscana 7%, (con Firenze e Siena), ed Emilia Romagna 7% (Bologna e Rimini).

Per quanto riguarda l’estero (scelto dal 35%, in forte crescita rispetto all’anno scorso), le mete saranno Francia 12% (in particolare Parigi, Provenza, Costa Azzurra e Alsazia), Spagna 9% (Canarie, Valencia e Barcellona), Austria 9% (Vienna e Salisburgo), Portogallo 5%, (Lisbona e Oporto) e Usa 4% (con New York). Le città e i luoghi d’arte sono le destinazioni preferite (39%) in lieve calo, seguite dalle località montane (35%) in crescita. L’hotel è la sistemazione più gettonata (51%), mentre al secondo posto si posiziona la casa di parenti e amici o la seconda casa di proprietà (19%) e infine la ricettività extralberghiera (18%): nel 61% dei casi si partirà con la famiglia e nel 22% con il gruppo allargato di famiglia e amici. Secondo l’indagine del Touring Club Italiano, il periodo preferito per partire è quello di Capodanno (47%), seguito dal Natale (28%) e la vacanza media durerà 6 giorni.

In occasione del prossimo viaggio, il 39% (possibili più risposte) dei rispondenti dichiara che parteciperà a visite guidate o escursioni, il 38% a mostre, concerti o eventi, il 37% che acquisterà card turistiche per il trasporto pubblico locale e per accedere a sconti. Qual è il senso della vacanza? Per le festività natalizie 2018, le motivazioni della partenza sono meno polarizzate rispetto al 2017: si parte per staccare la spina e interrompere la routine quotidiana (24%), ma anche per conoscere e imparare qualcosa di nuovo (24%) e ritrovare tempo per la famiglia (23%).