Nautica, al via Nauticsud alla Mostra d’Oltremare. De Luca: più espositori di Genova

54

Questo appuntamento è importante per la città ma anche per il Paese Italia. Nauticsud si riposiziona come evento nazionale ed internazionale dentro la filiera della nautica, uno dei nostri settori di punta. La nautica sta facendo registrare una ripresa interessante su cui sia le istituzioni che gli enti come il nostro stanno facendo investimenti. Oggi registriamo una presenza maggiore rispetto a Genova, nei prossimi anni potremo diventare il salone più importante della nautica in tutto il Mediterraneo“. Lo ha detto Giuseppe Oliviero, consigliere delegato della Mostra d’Oltremare durante l’inaugurazione di Nautisud. Alla cerimonia hanno partecipato anche il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ed il presidente della Mostra d’Oltremare Donatella Chiodo. “Dopo 4 anni, Nauticsud ritorna grazie alla grande energia investita dalla Mostra e dai nostri partner. Quando si lavora insieme – ha spiegato Chiodo – si riescono a raggiungere grandi traguardi. Spero che, dopo 4 anni, si riparta da zero e mi auguro che l’anno prossimo ci saranno ancora più cantieri”. La fiera, giunta alla sua quarantatreesima edizione, sarà aperta ogni giorno fino al 6 marzo dalle 10.30 alle 20.30 alla Mostra d’Oltremare.

Quest’anno abbiamo superato Genova per la presenza di espositori, è un segnale di dinamismo ma anche di capacità organizzativa” ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante l’inaugurazione di Nauticsud alla Mostra d’Oltremare. “La Regione – ha continuato il governatore – è impegnata in un grande programma di finanziamento di tutta la struttura della Mostra d’Oltremare e anche nella valorizzazione della cantieristica anche nautica dopo anni di grande sofferenza conseguenti alle decisioni sciagurate del governo Monti che ha messo in ginocchio tutta la cantieristica italiana“. Il governatore ha poi annunciato che la Campania “ha superato la questione dell’Iva. Incredibilmente a gennaio 2015 la Regione aveva messo in discussione la decisione del governo di abbassamento dell’Iva al 10%. Noi la abbiamo ripristinata al 10% anziché al 22% dando una mano importante agli imprenditori del settore“.