Nauticsud, nel 2024 esposizione internazionale a Napoli per i 50 anni del Salone

29

Organizzare, nel 2024, in occasione dei 50 anni del Nauticsud un’esposizione di interesse internazionale coinvolgendo l’intero bacino del Mediterraneo: è il progetto immaginato da Afina e condiviso dai vertici della Mostra d’Oltremare (MdO), che dovrebbe prendere corpo nei prossimi tre anni. “L’idea è quella di rendere Napoli capitale del Mediterraneo della nautica da diporto”, afferma il presidente della Mostra d’Oltremare di Napoli Remo Minopoli. “Il Nauticsud – spiega – è il secondo brand della Mostra d’Oltremare SpA per longevità, dopo la Fiera della Casa, e quindi prevediamo di coinvolgere i Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo, attraverso ICE, ambasciate e consolati italiani all’estero, ed invitare delegazioni straniere a partecipare all’appuntamento celebrativo”. “L’impegno sarà notevole – conclude il presidente della SpA – e la programmazione è alla base di un buon risultato, perciò parlarne sin da oggi con Afina, nostro partner organizzativo del Salone Nauticsud da diversi anni, che ci ha proposto il progetto, significa poter immaginare un grande rilancio anche dell’intero quartiere fieristico”. Il presidente e il nuovo amministratore delegato di MdO, Maria Caputo, hanno infatti incontrato, nelle ultime ore, il numero uno di AFINA, Gennaro Amato, per riprogrammare la 48esima edizione del Nauticsud 2021, che di fatto slitterà a febbraio 2022 (12-20). “Guardiamo al futuro con ottimismo, – afferma Caputo – al momento siamo bloccati dalla pandemia ma non per questo inattivi, risolvere una serie di difficoltà e di richieste degli organizzatori di fiere che non si sono potute svolgere è stato un primo passo, ora bisogna immaginare una ripresa graduale ma ben strutturata. La nautica è uno dei pochi segmenti, così come il settore alimentare e quello farmaceutico, che non si sono fermati e noi, in quanto proprietari del brand Nauticsud, dobbiamo valorizzare il comparto che porta economia all’intera regione organizzando il futuro espositivo del salone”.