Nel primo trimestre calano i reati in Campania: -9,4%. Diminuiscono anche gli stranieri nei centri: -35,6 %

22

In Campania, nel 2019 reati in calo del 9,4% rispetto al primo trimestre di un anno fa. In particolare, a Avellino -5,8%, -12,1% a Benevento, -11,5% a Caserta, -7,7% a Napoli, -14,5% a Salerno. I dati emergono dal monitoraggio effettuato periodicamente dal Viminale su reati e accoglienza. Ridotto anche il numero degli stranieri ospiti delle strutture di accoglienza. In tutta la regione erano 15.227 al 13 maggio 2018, diventati 9.833 al 13 maggio 2019 (-35,64%): a Avellino -46,11%, -48,81% a Benevento, -28,58% a Caserta, – 28,24% a Napoli, -35,31% a Salerno. “Vogliamo fare sempre di più e meglio – ha spiegato il ministro dell’Interno Matteo Salvini – i numeri sono rassicuranti ma non ci accontentiamo. Abbiamo segnalato agli amministratori locali nuovi strumenti, in collaborazione con le prefetture, per aggredire le grandi piazze di spaccio, isolare balordi e sbandati, per effettuare sgomberi”. “Auspico che i sindaci sappiano utilizzarli al meglio, mentre il piano che rinforzera’ tutte le questure d’Italia sara’ decisivo per ridurre ulteriormente la criminalita’”, ha concluso Salvini.